Archive for the ‘> MUSEO LA LUCE’ Category

Museo La Luce

martedì, marzo 17th, 2009

biglietto-la-luce-doppio-compressato

L'evoluzione dell'impianto esterno dal 900 al 1960

QUADRO DI MARMO ANNI 30

img-1671

Zoom
Fusibili di porcellana; (gli interruttori BTicino sono stati aggiunti negli anni 50) Villa dott. Romano Taormina.

Quadro marmo anni 40

Quadro marmo anni 40

Retro quadro anni 40

Retro quadro anni 40

Donazione al “museo la luce” dell’Architetto Anna Maria Petrone di Padova

dsc01675

Strumenti di misura CGS MONZA, primi del 900

dsc01766

Tassello di piombo, prima si usava fare un piccolo foro con il trapano dove si metteva una canna tagliata o un legnetto, da come si vede nei buchi del marmo

Tassello di piombo, prima si usava fare un piccolo foro con il trapano dove si metteva una canna tagliata o un legnetto, da come si vede nei buchi del marmo

Il mio trapanino degli anni 50/60

Il mio trapanino degli anni 50/60

dalai-lama

QUADRO DI BACHELITE ANNI 50

img_1689

Zoom
Provenienza dall’istituto delle Figlie del Divino Zelo; Giardini-Naxos.

QUADRO IN BACHELITE

img_1707

Zoom
Curiosità: il proprietario identifica spine al posto di prese.

QUADRETTO CON BASE IN LEGNO

img_1718

Zoom
Provenienza Chiesa Raccomandata Giardini-Naxos; impianto rifatto dopo quello a cordoncino, poi a piattina anni 50.

QUADRO CON BASE IN LEGNO

img_1720

Zoom
Fusibili ad innesto e vari relè.

Una mia realizzazione di impianto elettrico fine anni 60, Bticino

un-mio-impianto-elettrico-fine-anni-60-bticino1

VOLTOMETRI E AMPEROMETRI

img_3868a

Zoom
Su pannello in bachelite prelevati da cabina elettrica anni 30.

Piccolo voltometro portatile in acciaio anni 50

Piccolo voltometro portatile in acciaio anni 50

Retro voltometro

Retro voltometro

Voltometro proveniente dagli Stati Uniti anni 50 – Weston Elettrical Instrument Corp. Model 1 n. 61925 NEWARK. J.U.S.A.

dsc01699

MIX DI VARIO GENERE

img_1884

Zoom

DETTAGLIO MIX

DETTAGLIO MIX

La prima serie in bachelite dei fratelli Bassani BTicino anni 1945

Link al sito ufficiale BTicino (google: storia bticino anni 50)

INTERRUTTORI ESTERNI IN PORCELLANA PRIMA DEL 900

img_1716

Zoom
Curiosità:
Mi sento onorato di aver smontato dal palazzo Durante in Trappitello Taormina questi interruttori appartenuti al famoso siciliano prof. Francesco Durante.

Francesco Durante

Dettaglio interruttore: “questi sono stati i primi impianti elettrici esterni in abitazioni civili” eseguiti in Italia, infatti i fili erano unipolari, poi c’è stato il cordoncino e infine la piattina degli anni ’50”

Foto Artistica di un Artigiano

snb10322

isolatori-primi-del-900-alta
PANNELLO N.1

img_1676

Zoom
A destra vari interruttori a coltelli; al centro isolatori a corna vetro e porcellana, fusibili.

cantico-s-francesco

PANNELLO N.2

img_1678

Zoom
Dedicato a Zeus Rapizzi (Antica casa di materiale elettrico civile). Al centro il quadro di marmo prelevato dalla chiesa dei Cappuccini Villagonia Taormina. Da notare in basso a sinistra il primo magnetotermico d’Italia, come precisa Tuttonormel del luglio 1996…

DETTAGLIO DEL PANNELLO N.2

dett_pn_n2a

Zoom

PANNELLO N.3

img_1680

Zoom
Vari interruttori esterni Bticino a fusibili e magnetotermico; Da notare al centro l’interruttore sotto vetro era per sezionare la linea del motore ascensore.

PANNELLO N.4

img_1682

Zoom
Vari tipi di interruttori, spine, prese, portalampade, tubi per impianto incassato Bergman e di pastica, vari tipi di filo, resistenze e reattore 20 w 160 v.

DETTAGLIO PANNELLO N.4 reattore per tubi floroscenti a tre fili anni 40 a 160 v. dal S. Domenico Taormina

reattore per tubi floroscenti a tre fili anni 40 a 160 v. dal S. Domenico Taormina

Zoom

PANNELLO N.5 VARI BTICINO

img_1683

Zoom

Vari tipi di interruttori magnetotermici Bticino; da notare al centro i primi salvavita di questa serie civile.

Presa e spina Magic 10 16 A sicura bTicino anni 6o

presa-magic-10-16-a-sicura-bticino-anni-6o

Presa e spina trifase Magic

presa-sicura-magic-trifase-con-terra-a1

presa-sicura-trifase-con-terra-bticino-anni-70-magic

magic-ticino-testimonianza-ing-fabrizio-fabrizi

PANNELLO N.6

img_1686

Zoom
Vari tipi di voltometri e amperometri; da notare in basso a sinistra il mio primo voltometro.

PANNELLO N.7

img_1693

Zoom
Serie porcellana; vari interruttori, prese, isolatori, valvole e morsettiere, e la caratteristica valvola a tabbacchiera.

DETTAGLIO DEL PANNELLO N.7

dett_pn_7

Zoom
A destra: interruttore rotatorio con base in porcellana e coperchio metallico provenienza Stati Uniti; a sinistra: placca rettangolare in ottone con interruttori a levetta ed al centro pulsante per chiamata servizio provenienti dalla Gran Bretagna.

PANNELLO N.8 I primi impianti incassati, con interruttori e prese e frontalino in vetro su cui e scritto il nome della ditta installatrice, e vari portalampade

img_1695a

Zoom
Curiosità: da notare i due interruttori in legno detti a peretta si usavano generalmente al centro sulla testata del letto. Alcuni di questi interruttori di vetro provengono dalla villa Paradiso di Taormina dove lavorò zio Peppino e papà.

interruttori-con-frontalino-di-vetro-anni-40-50

PANNELLO N.9 Campanelli di legno dei primi del 900, fino al din don della Bticino

img_1697a

Zoom

N.b. I campanelli di legno sono stati prelevati: dal palazzo Prof. Durante e dalla villa Mon Répos, dove c’èra il Kursal casinò di Taormina.

PANNELLO N.10

img_1699a

Zoom
Vari citofoni; da sinistra in alto Farfisa, Safanat, Elvox, Comelit, Lt, Lt, Lt, Bticino; da sinistra in basso Italtel-Siemens, Siemens, Urmet, Urmet, Bpt, Bpt, Bpt.

Schema anni 60, citofono Siemens – 1/2

cit-siemens-schiema-anni-60

2/2

cit-siemens-schiema-anni-601

DETTAGLIO PANNELLO N.10

img_1701a

Zoom
Citofono Urmet, tra i primi modelli in italia.

Il primo videocitofono Siemens – anni 70

museo-la-luce-dopo-il-citofono-urmet

il-primo-videocitofono-simens-anni-70

tra-le-frasi-di-albert-eistain

PANNELLO N.11

img_1714a1

Zoom

Al centro centralino Breter, vari magnetotermici e differenziali elettrocondutture.

PANNELLO N.12

alim-vari

Vari alimentatori e p.e.: BPT, SIEMENS, ITALTEL, B TICINO, SEIKO.

PANNELLO N.13

img_2148a

Zoom
Il famoso interruttore 642 della Bticino e stato largamente usato da centralino di appartamento a interruttore del scaldabagno.

PANNELLO N.14

Schema dei giochi a pulsante 1959, e lettera 1970 del tecnico della trasmissione “RISCHIATUTTO” di Mike Buongiorno e ricostruzione dei quadri a riferimento schema.

PANNELLO N. 14

Foto Artistica di un Artigiano

snb10317

CENTRALINO PER APPARTAMENTO

img_1953a

Zoom
Interruttori a fusibili e campanello.
Curiosità: proveniente da casa privata, dopo divenne albergo Sabbie D’oro Giardini Naxos.

INTERRUTTORE ELEGANTE

img_2149a

Zoom
Curiosità: placche che si usavano negli appartamenti di lusso sulla serie Piuma Bticino; a dire il vero con tutto quel metallo non erano affatto sicure; ma alcune volte l’eleganza supera la sicurezza.

CENTRALINO ARTIGIANALE IN LEGNO

img_2151a

Zoom

Al posto del centralino usavo incassato al muro questo tipo, che a dire il vero negli anni 60-70 era sempre meglio di chi ne faceva a meno. I magnetotermici sono della ditta STOTZ Elettrocondutture.

VIMAR: Anni 40/60

vimar40-60

Spine porcellana: VIMAR

snb10320

lo-sciocco-001

Dettaglio spina

snb10316

A Sinistra: borsetta omaggio agli elettricisti anni 70 BTICINO.
A Destra: chiodini per piattina

btic

QUADRO CHIAMATE

img_2153a

Zoom
Ditta LT; quadretto per chiamate di emergenza dai bagni o camere di alberghi.

LAMPADA DI EMERGENZA

img_2180a

Zoom
Tra le prime lampade di emergenza della Legrand.

DIFFERENZIALI MAGNETOTERMICI AVE

img_2182a

Zoom
Quadripolari e bipolari.
Curiosità: nel differenziale bipolare, togliendo il piombo e girando la vite in posizione diversa, si poteva diminuire la sensibilità da 0,03 a 0,3.

QUADRO CHIAMATE

img_1691a1

Zoom
Quadretto di chiamate per camere, costruito artigianalmente nei primi del 900 la cui provenienza deriva dalla Pensione San Pietro Taormina, oggi grande albergo.
Curiosità: a destra in alto troviamo un piccolo quadretto della Zeus, sicuramente per estendere il numero di camere; in basso a destra la levetta di deviazione serviva sicuramente a smistare le chiamate campanello nella camera dove dormiva il portiere di notte.

QUADRO CHIAMATE CON FRONTALINO IN VETRO

QUADRO CHIAMATE CON FRONTALINO IN VETRO

PARTICOLARE DEL QUADRO A 5 NUMERI

PARTICOLARE DEL QUADRO A 5 NUMERI

Zoom

STRUMENTO PER CONTROLLO SFASAMENTO DI CORRENTE ATTIVA E REATTIVA

img_1751a

Zoom

STRUMENTO MEGAWATTMETRO

1-cartoncino

dsc00625

dsc00641

dsc00643

skmbt_c45213120915140-2

skmbt_c45213120915140-22

RELE’

Relè

Zoom
In alto al centro relè temporizzato elettropneumatico; in basso da sinistra relè di minima e massima corrente.

Bolletta società elettrica della Sicilia – 1935

societa-elettrica-sicilia-anni-30-001

CONTATORE PER USO FAMIGLIARE

Contatore per uso famigliare

Zoom

Della società generale elettrica sicilia a 150 v. anni 40.

Contatore trifase a sistema di energia reattiva; Anni 50

Contatore trifase a sistema di energia reattiva

Zoom

Contatore trifase per carico equilibrato e squilibrato

Contatore trifase per carico equilibrato e squilibrato

Zoom

Il contatore reattivo misura la potenza reattiva nel tempo e quindi energia reattiva (kvarh), che è nella corrente assorbita da certi tipi di utilizzatori (motori elettrici, trasformatori, lampade fluorescenti) che serve a generare campi magnetici ed elettrici di cui queste macchine hanno bisogno per il loro funzionamento; anni 60.

Contatore trifase a sistemi

Contatore trifase a sistemi

Zoom

Contatore 220 v. anni 2000

Contatore 220 v. anni 2000

Zoom

Contatore usato prima dell’ultima generazione dell’attuale elettronico.
Curiosità: su questo contatore l’Enel aveva creato un sistema differenziale.

Contatore uso civile

Contatore uso civile

Zoom

A sinistra contatore 150 v. anni 50; a destra tipico contatore trasparente 220 v. anni 70.

Senza l’ausilio dell’elettricità

Senza l'ausilio dell'elettricità

Zoom

A sinistra lanterna di carrozza; al centro lucerna romana ad olio; lume a petrolio dell’800 tubo inglese con base lavorata a tornio da artigiano di Castiglione di Sicilia; a destra classica lanterna poi all’estremità destra troviamo una citilena utilizzata per illuminare i cuniculi nelle miniere (essa in foto proviene dalla miniera di Carbonia in Sardegna).
Acetilene: liquido infiammabile o carburo di calcio, che sostituisce, all’inizio del 900, la precedente lanterna che era a olio, detta lumera.

Lampadario dell’800

Lampadario dell'800

Zoom

Provenienza dalla chiesa Raccomandata di Giardini Naxos.
Cusiosità: questo lampadario prima funziovana a candele, poi in seguito venne trasformato in elettricità.

DETTAGLIO – Nome della ditta costruttrice

DETTAGLIO - Nome della ditta costruttrice

Lampadario del 900 in vetro di murano

Lampadario del 900 in vetro di murano

Lampada Philips 150 v -> [vedi sezione dedicata]

Lampada Philips 150 v

Lampada OSRAM a 160 v. con piatto smaltato anni 40

Lampada a 160 v. con piatto smaltato anni 40

Prelevata dalla chiesa S. Vincenzo Taormina, quando fu cambiata la tenzione da 160 a 220 v.

Plafoniera per esterno anni 40

Plafoniera per esterno anni 40

Usata per l’illuminazione stradale per piccoli centri urbani.

Aplique anni 50

Aplique anni 50

Corpo in ceramica e tazzina in vetro.

Saliscendi anni 40

Saliscendi anni 40

Saliscendi con contropeso in ceramica riempito di sabbia affinchè creasse l’equilibrio con il piatto di vetro; il cordoncino di rame è foderato in stoffa.

Lampada OSRAM golia 160 v. 1000 w

Lampada golia 160 v. 1000 w

Usata dai fratelli Brunetto nel 1920 sopra il palco musicale nella piazza del mio paese durante le feste e i concerti.

Lampada per riflettore

Lampada per riflettore

Da 5000 w usata nel Teatro Antico di Taormina.

Lampada per studio radiologico anni 50

Lampada per studio radiologico anni 50

0011

Lampada Golia 2000 w

Lampada Golia 2000 w

Usata su riflettore Monza e Bianchi di Milano.

Lampade per riflettori

Lampade per riflettori

Bispina da 2000 w ed Edison sa 250 w specchiata.

Donazione al Museo la luce di Nino Vadalà da parte del “Museo della radio RAI” di Torino – [1 / 3]

sezione-museo-la-luce-dove-ci-sono-le-lampade-1

[2 / 3]

sezione-museo-la-luce-dove-ci-sono-le-lampade-3

[3 / 3]

sezione-museo-la-luce-dove-ci-sono-le-lampade-2

Lampada con palo

Lampada con palo

L’illuminazione nelle vie dei paesi di una volta.

museo-la-luce-vicino-alle-lamapade

Confezione lampade anni 60

Confezione lampade anni 60 Zoom

Lanterne di arredamento

Lanterne di arredamento

Lanterne stile veneziano costruite da stagnino taorminese, usate nei locali caratteristici adattando una lampadina.

Lanterne in ferro battuto

Lanterne in ferro battuto

Dopo la fine del mestiere dei carratori (costruttore di carretti), i maestri del mio paese si dedicarono all’artigianato del ferro battuto.

Ferro da stiro della nonna

Ferro da stiro della nonna

Amplificatore anni 50

Amplificatore anni 50

Zoom

Il primo amplificatore installato nella chiesa Raccomandata di Giardini da padre Giammaria.

Ventilatore Marelli anni 60

Ventilatore Marelli anni 60

Il mio registratore anni 60

Targhetta registratore Lesa

Il mio registratore anni 60. Zoom

L’elettrauto

L'elettrauto

Zoom

Banco prova adoperato dal sig. Ferrara, il primo elettrauto di Giardini Taormina anni ’50.

L’elettrauto dettaglio

L'elettrauto dettaglio

Zoom

Serviva alla verifica:
Motorini avviamento, dinamo, spinterogeno, ricarica magneti, regolatori di minimo.
I fili servivano da collegamento allo spinterogeno da provare, per controllare l’efficienza dello stesso, che fosse uguale per tutte le camme di fase da verificare.

Motorino avviamento Zoom

Controllo contatori trifase anni 60

Controllo contatori trifase anni 60

Zoom

Apparecchio per il controllo dell’esatta registrazione dei consumi (+ o – errore %) dei contatori elettrici: trifase per energia attiva, e per energia reattiva e gruppi di misura ad inserzione semidiretta (BT) e indiretta (MT).

Controllo contatori monofase anni 60

Controllo contatori monofase anni 60

Zoom

Apparecchio per il controllo dell’esatta registrazione dei consumi (+ o – errore %) dei contatori elettrici monofasi.

Strumento per vari misurazioni di terra anni 60

Strumento per vari misurazioni di terra anni 60

Zoom

Apparecchiatura elettrica che abbinata ad un trasformatore di isolamento serve ad inviare nel terreno delle correnti per effettuare delle misure di passo e di contatto Vp e Vc nelle cabine elettriche.

Interruttore VOR

Interruttore VOR

Zoom

Interruttore Volume Olio Ridotto, usato in cabina, secondario sezionamento e a protezione trasformatore.

DETTAGLIO VOR

DETTAGLIO VOR

VATTOMETRO

VATTOMETRO

MEGAOHM

MEGAOHM

PROVAFIOR

PROVAFIOR

1/7

1/7

2/7

2/7

3/7

3/7

4/7

4/7

5/7

5/7

6/7

6/7

7/7

7/7

Riflettore 250w anni 70

Riflettore 250w anni 70

Per creare effetti colorati in movimento

Riflettore Monza e Bianchi da 1000 w. anni 70

Etichetta "Monza e Bianchi"

Riflettore Monza e Bianchi da 1000 w. anni 70

Serviva a creare vari effetti scomposti in base a cosa si inseriva tra la lente e la lampada.

Occhio di bue da 1000 w. della Coemar anni 80

Occhio di bue da 1000 w. della Coemar anni 80

Riflettore 250 w. anni 70

Riflettore 250 w. anni 70

Serviva a creare effetti di luce prismatici.

Riflettore 150 w. della Monza e Bianchi chiamato musetta anni 70

Riflettore 150 w. della Monza e Bianchi chiamato musetta anni 70

Cine proiettore Solex 5000 w. anni 40

Cine proiettore Solex 5000 w. anni 40

Riflettore donato dal principe Alliata Francesco, della Panaria Film 1946-1949 (casa produttrice cinematografica siciliana); usato nel film “Vulcano” del 1949 con Anna Magnani e Rossano Brazzi.

Foto scattata dietro le quinte del film Vulcano

Foto scattata dietro le quinte del film Vulcano

Foto che ritrae Anna Magnani con la serie del riflettore precedentemente descritto.

Istruzioni per l’illuminazione del Teatro Antico di Taormina

Istruzioni per l'illuminazione del Teatro Antico di Taormina

Guida per manovrare l’illuminazione del Teatro Antico di Taormina anni 60.

Riflettore della CGE da 1000 w La lampada specchiata è stata applicata all’inverso per metterla in risalto

Riflettore della CGE da 1000 w

Serviva ad illuminare le rocce dell’ingresso del Teatro Antico di Taormina.

Targhetta riflettore CGE

targhetta_riflettore_cge1

Zoom

Simbolo ditta CGE

simbolo_fabbrica_cge

Padellone 500 w

Padellone 500 w

Costruzione artigianale anni 50 in lamiera zingata; serviva per l’illuminazione dei passaggi e pareti del Teatro Antico di Taormina.

Padellone 500 w

Padellone 500 w

Costruzione artigianale anni 60 in lamine in ferro; serviva per l’illuminazione dei passaggi e pareti del Teatro Antico di Taormina.

foto-di-salvatore-messina

Fondatore Peter Mole-Richardson, Siciliano di Termini Imerese 1891 -> [vedi sezione dedicata]

Riflettore da 2000 w

Riflettore da 2000 w

Riflettore usato per le riprese cinematografiche della Mole-Richardson.

Dettaglio del riflettore Mole-Richardson

Dettaglio del riflettore Mole-Richardson

Dettaglio simbolo ditta

targhetta_mole_richardson

Zoom

Riflettore 1000 w

Riflettore 1000 w

Riflettore usato per spettacoli teatrale.

Riflettore 2000 w

Riflettore 2000 w

Costruito dalla ditta Monza e Bianchi di Milano, artigiani esperti in campo teatrale.

Dettaglio del riflettore Monza e Bianchi

Dettaglio del riflettore Monza e Bianchi

Vetrinetta di esposizioni varie

Vetrinetta di esposizioni varie

Zoom

Particolare vetrina

Particolare vetrina

Telegrafo ad impulsi elettrici

Telegrafo ad impulsi elettrici

Zoom

Consentiva di trasmettere messaggi inviando impulsi elettrici via cavo; in Italia la prima linea telegrafica fu realizzata nel 1847 e collegava Livorno con Pisa.

Serie Metallo Anni 50/70: ILME, PALAZZOLI, BTICINO

ilme-p

Zoom

PARTICOLARE: Interruttore a blocco meccanico ILME

Interruttore a blocco meccanico

Della serie Ilme quadripolare in metallo anni 60.

Curiosa presa di metallo a pavimento della FBT, con coperchio in ottone.. per niente sicura e poco pratica anni 60

Presa a pavimento

001-2

Regolatore elettronico dell’azienda “OVA” anni ’70

002

003

004

L’azienda “BTicino” negli anni 70 propose un interruttore che sfiorandolo chiudeva il contatto, sarà stato per il costo eccessivo ma non ebbe successo.

Curioso strumento

Zoom

Curioso strumento per rilevare la dispersione tra la linea e il filo centrale, che rimaneva isolato fino al securitas Zois anni 60

n.b.: per maggiori dettagli fare zoom sulla foto che la si trova in alta risoluzione.

Spina e presa volante 30 A

Spina e presa volante 30 A

Corpo in ceramica e rivestimento in gomma anni 50.

Reattori per tubi fluorescenti

Reattori per tubi fluorescenti

Di marca Bezzi e Aros anni 50.

Resistenze varie

Resistenze varie

Scalda acqua, ferri da stiro, stufe e asciuca capelli.

Resistenza scaldabagno anni ’70

Era inserita in uno spazio ricavato all’interno dello scaldabagno (non a contatto con l’acqua).
Era meno pericolosa in quanto non andava a contatto con l’acqua, ma meno efficiente.
Resistenza scaldabagno anni '70

Orologio elettrico

Orologio elettrico

Zoom

Per l’illuminazione stradale.

Temporizzatori

Temporizzatori

Zoom

Vari tipi a mercurio.

Vari tipi di relè

Vari tipi di relè

Pulsantiera di ascensore

Pulsantiera di ascensore

Quadro ascensore anni 50

Quadro ascensore anni 50

Motore ascensore anni 50

Motore ascensore anni 50

Stabilizzatore per televisore anni 70

Stabilizzatore per televisore anni 70

Piccoli elettrodomestici

Piccoli elettrodomestici

A sisnistra caratteristico scaldaletto per uso generico anni 40; a destra asciuca-capelli anni 50.

Pannello da quadro anni 70

Pannello da quadro anni 70

Pinza amperometrica anni 60

Pinza amperometrica anni 60

Contattore elettromeccanico

Contattore elettromecchanico

Zoom

Serviva a dare un senso di rotazione alle luminarie, Elios anni 70.

BATTERIA PER LA GALVANIZZAZIONE MEDICINAL EPOCA 1900-1910 -> (vedi sezione dedicata)

Batteria 12v in legno circa anni 20

Zoom

Centrale Idroelettrica “ALCANTARA” tra le prime d’Italia -> (vedi sezione dedicata)

img_1775aa

Bibliografia, Cataloghi e Libri -> (vedi sezione dedicata)


Il mio tester da ragazzo

Il mio tester da ragazzo

Zoom

Questo è stato il mio banco prova per provare i ferri da stiro se erano in dispersione.

Attraverso la presa, che funzionava da interruttore, inserendo i due puntali tra la massa del ferro da stiro e la spina, vedevo se era in dispersione, perchè si accendeva la lampada.

Questo sistema a 160 v. era abbastanza pericoloso, quindi passai ad alimentare l’altra presa con lampada a batteria di 4,5 v.

Il regolatore con acqua e sale

Il regolatore con acqua e sale

A seguito dell’articolo precedentemente descritto; ricordo con meraviglia quando informandomi con il mio principale (datore di lavoro) mi chiedevo come si faceva ad abbassare la tensione, dato che curavo le luci nel teatro dei cappuccini di Villagonia di Taormina, (sistema che non influiva economicamente) Senza ricorrere all’acquisto del regolatore ad olio, egli mi disse <prendi un pò di acqua e versala sul banco di legno e poi avvicina i due puntali del banco prova>, così facendo la luce aumentò di intensità, poi aggiunse di mettere un pò di sale in una boccia di vetro, e nel fondo una piastra di rame con un’ottimo cavo isolato saldato nella piastra.

Con l’altro filo di ritorno della lampada, immergendolo con cautela si ottiene un effetto regolatore.

Curiosità: negli anni 30 alcuni elettricisti di Taormina usavano questo sistema utilizzando al posto dell’acqua, l’urina.

N.b.: questo sistema era molto pericoloso per chi stava nelle vicinanza mentre si eseguiva la regolazione.

Nell’inviare il commento si prega di specificare la provenienza!